home Ambiente, Città, Cittadinanza, Primo piano La città è un male necessario?

La città è un male necessario?

Tucidide ne La guerra del Peloponneso scriveva a proposito della peste che nel 430 a.C. aveva decimato la popolazione di Atene e decretato il declino della città: «Dentro le mura cadevano le vittime del contagio; fuori, le campagne subivano la devastazione nemica. Venne naturalmente alla luce, mentre il morbo incrudeliva, la memoria di quell’oracolo che, a detta dei più anziani, risaliva a tempi molto antichi: “Verrà la guerra Dorica e pestilenza con essa”».

Guerra, carestia, e pestilenze sono tre fattori che storicamente si fondono ma senza la città il contagio della fame e della malattia non avrebbe potuto esplodere. Nel racconto di Tucidide la relazione che esiste tra questi elementi è chiara, come lo è che la città il crogiolo in cui si fondono. La popolazione concentrata nello spazio urbano innesca gli effetti esplosivi grazie al contributo decisivo della povertà.

Alessandro Manzoni ha descritto efficacemente ne I promessi sposi il concatenarsi degli eventi che hanno condotto alla pestilenza di Milano del 1630. Egli si affidò per le descrizioni della pestilenza del 1630 alle notizie contenute nel Ragguaglio del medico Alessandro Tadino (1648), il quale raccontò gli sconvolgimenti provocati dalla pestilenza con lo sguardo del tutore della salute pubblica. La sua visione costituisce una sorta di anticipazione di ciò che successivamente avvenne in modo sistematico. A partire dalla fine del XVIII secolo rilevamenti topografici e indagini mediche individuarono nel sovraffollamento e nella mancanza d’igiene, tipici dell’ambiente urbano, le cause della latenza del contagio. I poveri, debilitati da un’alimentazione insufficiente e dalle malsane condizioni abitative, erano il perenne focolaio delle malattie. Da questa constatazione cominciò a profilarsi il concetto di salute pubblica che nel XIX produrrà norme e interventi sul corpo malato della città. Cimiteri, carceri, ospedali, mattatoi, ovvero i luoghi di massima concentrazione di reflui e rifiuti, furono individuati come possibili inneschi delle infezioni, ancora attribuite ai miasmi che essi potevano generare.

Il controllo dei meccanismi di diffusione del contagio ebbe prima di tutto un carattere militare. Alla fine del XVII secolo in Francia vennero redatti regolamenti contenenti prescrizioni da prendere nel caso la peste si fosse manifestata nelle città. Lo spazio urbano andava rigorosamente suddiviso in settori posti sotto il potere di un sovraintendente e pattugliato da guardie. Le persone avevano l’obbligo della quarantena da trascorrere in casa e doveva essere interrotto ogni scambio con il territorio agricolo, per evitare che il contagio trovasse ulteriori veicoli nella popolazione rurale.

Le malattie infettive sono, d’altra parte, un dono dell’agricoltura e della vicinanza con gli animali che le pratiche agronomiche e zootecniche hanno inevitabilmente comportato. Se, da un lato, è vero che, a causa della più elevata densità demografica, le epidemie hanno trovato nelle città un ambito di maggiore propagazione rispetto alla campagna, non bisogna dimenticare che è il mondo rurale l’ambito in cui esse si innescarono. I villaggi rurali, rispetto agli accampamenti dei cacciatori-raccoglitori, fornirono alle malattie il terreno fertile di una densità di popolazione dalle dieci alle cento volte superiore.

Malattie ed ambiente urbano sono quindi parte di una lunga storia che cominciò quando ancora la città non aveva fatto la sua apparizione sulla faccia della terra. La condizione stanziale, la concentrazione di individui, la contaminazione ambientale sono stati il terreno fertile per virus e batteri. Le epidemie hanno da sempre trovato nelle città, in quanto spazio fisico organizzato per le funzioni sociali, un ambito di migliore propagazione rispetto alla campagna, anche se è stato per lungo tempo il mondo rurale – il punto di contatto tra insediamenti umani ed ecosistemi naturali – il luogo in cui esse si sono innescate.

Gli effetti delle periodiche ondate epidemiche hanno implicato importanti trasformazioni della forma urbis: dai lazzaretti dove confinare gli appestati, ai grandi lavori per la costruzione di infrastrutture, come fognature ed acquedotti per il controllo del colera, ai regolamenti d’igiene, al contrasto della tubercolosi applicata alla costruzione degli alloggi. Ma la città non è solo terreno fertile per le malattie contagiose: come matrice della civiltà essa è il luogo dal quale sono scaturiti il sapere e il pensiero scientifico che hanno consentito agli esseri umani di tenere sotto controllo l’effetto devastante degli agenti patogeni. Non è un caso se, con il progredire della storia, gli abitanti della terra siano diventati sempre più urbane: attualmente oltre la metà di loro vive in una delle variegate forme insediative genericamente riconducibili alla città. Essa, con tutti i rischi sanitari che ancora oggi porta con sé – ne sono stata testimonianza in anni recenti gli effetti sui grandi agglomerati urbani del sud del mondo dell’influenza aviaria, di Ebola e persino della ricomparsa della peste- è stata quindi un male necessario, un tassello fondamentale del processo evolutivo della specie umana. Oggi il modo in cui il male città colpisce i suoi abitanti è rappresentato dalle cattive condizioni ambientali, non più (o non solo) dal contagio. La consapevolezza del rischio sanitario è stata introiettata nella condizione urbana da quando essa aveva confini precisi – un dentro e un fuori segnato dalle mura – fino alla sua dispersione sul territorio, alla mutazione morfologica e funzionale dell’urban sprawl.

Il lungo rapporto tra città e malattie ha alla fine consentito la nascita di ambiti disciplinari specializzati nell’indagine, nella diagnosi e nell’individuazione della terapia. Dall’insieme delle conoscenze e delle tecniche finalizzate alla cura della città scaturì la disciplina che chiamiamo urbanistica. Il bagaglio strumentale teorico-tecnico di quel campo disciplinare, che inizialmente fu definito con l’espressione ingegneria sanitaria, ebbe modo di formarsi all’interno di un ambito di sperimentazione interdisciplinare in cui medici e ingegneri curavano il grande corpo malato della città. L’urbanistica moderna nacque dalle istanze che fecero della salute pubblica una competenza dei piani per regolare la crescita e le trasformazioni urbane. Dalle preoccupazioni di ordine sanitario nacque la consapevolezza che anche dalla forma urbis dipende la salute degli abitanti della città. L’attenta analisi delle caratteristiche fisiche degli insediamenti umani e delle condizioni della popolazione, che diventerà cruciale nella formazione di un’idea di igiene pubblica, sarà la matrice dell’urbanistica.

Riferimenti

L’immagine di copertina rappresenta il quadro di Nicolas Poussin La peste di Azoth.

TAGS:

Michela Barzi

Laureata in Architettura presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia. Si è occupata di pianificazione territoriale ed urbanistica per vari enti locali. Ha pubblicato numerosi contributi sui temi della città, del territorio e dell'ambiente costruito in generale. Collabora con istituti di ricerca e università. E' direttrice e autrice di Millennio Urbano e scrive per altre riviste on line.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *