Scherzi da caserma

2014-02-27 12.17.45
Foto: M. Barzi

In molte città le caserme dismesse sono le ultime grandi aree sulle quali si possono prevedere progetti di trasformazione urbana e tuttavia le amministrazioni comunali faticano a trovare idee per reinventare le destinazioni di imponenti complessi edilizi, la cui riconversione può essere pensata come componente della strategia complessiva per migliorare la vivibilità urbana.

Nelle grandi città, ad esempio,  ci sono centinaia di migliaia di metri quadri vuoti, in attesa di nuova destinazione, che grazie agli strumenti urbanistici comunali, possono rientrare in un quadro più complessivo di trasformazione della metropoli, con la previsione di funzioni tra loro molto diverse che per il momento vanno dai servizi, attrezzature e spazi pubblici alle residenze e al verde, ma soprattutto a partire dall’ipotesi che questi grandi spazi non siano consegnati all’abbandono e al degrado. Le aspettative della cittadinanza a questo proposito potrebbero essere un elemento che guida le scelte di trasformazione, all’interno di una visione strategica che riguarda la città nel suo complesso e non solo le singole aree. La precedente tornata di grandi interventi sui settori urbani che contenevano aree dismesse o sottoutilizzate ha infatti messo in evidenza la sostanziale autoreferenzialità dei progetti che hanno più che altro pensato di collocare le quantità di volumi concordata con la pubblica amministrazione tramite una presentazione architettonica accattivante che però non esercita nessuna influenza sul disegno complessivo della città.

Sono così stati costruiti una serie di episodi urbani che al massino si relazionano con il sistema di trasporto pubblico urbano ma che non si capisce cosa apportino alla città nel suo complesso, se non una certa dotazione edilizia in suggestive forme verticali. Qui le aspettative dei cittadini, riguardo a maggiore dotazione di spazi pubblici fruibili, verdi e non, di alloggi a prezzi accessibili, di servizi e di tutto ciò che migliora la vivibilità urbana, sono state del tutto ignorate. Sembra infatti che l’unico vantaggio di questi interventi riguardi la loro natura di operazioni immobiliare prima che di trasformazione urbana. Quale relazione essi abbiano con i processi di pianificazione alla scala almeno comunale, per non parlare di quella sovralocale, con la risoluzione dei problemi dei quali i cittadini hanno consapevolezza, uno per tutti quello della mobilità, non è dato saperlo.

E’ esattamente questo lo scenario che, per fare l’esempio di ciò che avviene in un capoluogo di provincia di dimensioni medie come Varese, riguarda l’ex caserma Garibaldi dismessa da decenni e da vent’anni al centro di una serie di progetti.  In essi non solo l’edificio ma una porzione importante del centro cittadino diventa l’oggetto di una serie d’interventi di riqualificazione che nulla hanno a che vedere con le strategie complessive di trasformazione urbana.

Immaginata dapprima come sede dell’Università nelle intenzioni del Comune, l’ex caserma oggi pericolante è al centro di un controverso progetto dell’amministrazione cittadina che l’ha acquisita nel 2009. L’enorme volume dovrebbe diventare l’oggetto di uno scambio edilizio con il teatro che sta sull’altro lato della piazza, a sua volta realizzato nell’ambito di un precedente intervento di riqualificazione dell’area realizzato a fine anni ’80.

La domanda che sorge spontanea è: perché spostare un teatro esistente e funzionante dentro un edificio pericolante che ha anche l’ulteriore gravame di un vincolo apposto dalla Soprintendenza per i beni culturali e paesaggistici? La risposta non è tuttavia complicato darsela se si va a vedere cosa è stato realizzato con il precedente intervento di riqualificazione. Quel teatro è sorto come edificio temporaneo su di una superficie rimasta vuota a seguito della radicale trasformazione della piazza che, di fatto, è diventata la copertura di un posteggio interrato multipiano a servizio di uno shopping mall. In pratica un centro commerciale con gli effetti connessi alla mobilità urbana è stato piazzato nel mezzo del centro cittadino,  con la prevedibilissima conseguenza di un incremento del traffico veicolare dentro l’area urbana centrale.

Un ostacolo insormontabile per tutti i progetti di pedonalizzazione e limitazione dell’accesso della auto che nel frattempo sono stati realizzati senza un disegno unitario perché si doveva lasciare aperto un canale di transito da e per lo shopping mall. E non c’è come separare un’area dal suo contesto, facendola attraversare dal traffico automobilistico,  per renderla un luogo negletto, dalla quale allontanarsi il prima possibile per raggiungere destinazioni più confortevoli,  come lo shopping mall o le via pedonalizzate del centro cittadino che in fondo altro non sono che un’estensione del concetto a cielo aperto.

Il ruolo chiave che l’ex caserma nella riqualificazione di un’area penalizzata dalle conseguenze di un progetto sbagliato è facile da individuare. A patto che si riesca ad eliminare l’errore di fondo, ovvero riconsiderando all’interno del nuovo progetto in modo completamente diverso il paradigma della mobilità cittadina: detto in soldoni vuol dire avere il coraggio di mettere al centro un ripensamento radicale della gestione dei flussi di traffico che lì convergono.

2014-02-27 12.15.16
Foto: M. Barzi

Ma è possibile tramutare una scelta sbagliata in qualcosa di utile alla costruzione di scenari diversi per la mobilità urbana? Forse sì, a patto che il nocciolo della questione non sia solo quanti volumi edilizi infilare lì ma come, anche attraverso la loro costruzione, possa essere perseguita una certa strategia di trasformazione urbana. Infondo rendere più dense le città, arricchirle di una pluralità di funzioni, che per la vita dei cittadini significa più servizi ed opportunità, ma vuol dire anche costruire ed includere gli interessi degli operatori immobiliari come uno degli aspetti funzionali al successo delle scelte progettuali.

Tuttavia, se la logica con la quale si promuovono le trasformazioni urbane è quella di nascondersi dietro il project financing, presumendone la bontà a prescindere, i volumi edilizi finiscono per essere l’unico argomento in campo. Bisognerebbe che da parte delle amministrazioni comunali venisse anche qualche idea sulla città nel suo complesso e sul ruolo che quella determinata area può avere a questo riguardo, perché lo capisce anche un bambino che non basta evocare un teatro o un’altra attrezzatura culturale per risolvere i problemi nati da scelte sbagliate fatte un quarto di secolo prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *