Categorie
Città Cittadinanza

Contro l’urbanistica dal sopracciglio alzato

Prima di diventare il devastatore di New York, con le autostrade urbane usate come una mannaia in una metropoli troppo piena di costruzioni, Robert Moses era stato Commissario cittadino ai parchi e fu particolarmente amato dalla gente quando, durante i primi anni del New Deal, costruiva spazi verdi ed aree per il gioco in quartieri […]

Categorie
Città Cittadinanza

La piazza reale conta più di quella virtuale

Nel saggio The Crisis of Planetary Urbanization David Harvey ha  affrontato il tema delle rivolte della classe emergente urbana che, in alcuni paesi così detti in via di sviluppo, si è mobilitata contro uno dei classici paradigmi della crescita illimitata. «Il cemento viene versato ovunque e ad un ritmo senza precedenti sulla superficie del pianeta […]

Categorie
Città Cittadinanza

Urbanistica fai da te

Avete presente quelle aree della città sulle quali più volte vi siete soffermati a pensare quanto sarebbe bello ed opportuno farci questo o quest’altro pur di sottrarle all’abbandono e al degrado? Se la risposta è sì allora potrete affermare di essere stati – almeno in qualche occasione e anche solo idealmente – urbanisti fai da […]

Categorie
Città Questioni di genere

Donne, città e ipocrisie

Le disparità di genere tendono ad assumere nella organizzazione spaziale delle città le stesse caratteristiche che si riscontrano nella struttura sociale. Lo spazio urbano è stato modellato a misura del genere dominante :il modo in cui le donne vivono e si muovono nella città si differenzia in relazione al diverso ruolo che esse  ricoprono nella […]

Categorie
Metropoli

L’Avana riparte dallo spazio pubblico

Se c’è una città che si distanzia dagli aspetti più difettosi del modello di sviluppo urbano di provenienza statunitense questa è L’Avana. La metropoli caraibica, che ha conservato l’influenza mediterranea impressa dagli antichi dominatori spagnoli, offre un esempio di come potrebbe essere una città che non ha conosciuto i paradigmi della crescita urbana della seconda […]

Categorie
Metropoli Potere

Quando la strada appartiene alla folla

La grande manifestazione, che l’undici gennaio scorso ha portato due milioni di persone tra le strade di Parigi, tra le molte letture a cui si presta potrebbe annoverare anche quella che riguarda le caratteristiche spaziali del contesto in cui si è svolta: che i boulevard dell’urbanistica haussmanniana fossero il luogo della folla lo aveva raccontato […]

Categorie
Metropoli Potere

Il difficile rapporto tra democrazia e trasformazioni urbane

Il processo di sostituzione del patrimonio pubblico con l’edilizia residenziale privata sta cambiando il paesaggio urbano di molte città del Regno Unito. Durante  l’anno appena trascorso una protesta popolare aveva impedito che la demolizioni delle torri del quartiere-ghetto di Red Road a Glasgow servisse da spettacolo inaugurale dei Commonwealth Games, e aveva indicato all’opinione pubblica […]

Categorie
Cittadinanza Mobilità

Corpi in movimento nello spazio pubblico

Un incidente stradale non è mai banale, anche se la dinamica che lo determina è spesso ripetitiva. Se poi il suo esito implica la perdita di una vita umana non si dovrebbe proprio archiviarlo nella categoria fatalità ma cercare di capirne attentamente le cause. Nel caso di una bicicletta che investe ed uccide un pedone […]

Categorie
Città

L’anima della città

Cosa qualifica meglio una città? Le sue architetture evocative, le occasioni culturali e di incontro, il tipo di ristoranti in cui mangiare o la qualità del suo spazio pubblico o quella delle sue scuole dei servizi di  base,  il trasporto pubblico e l’accessibilità al mercato immobiliare? La dichiarazione della senatrice democratica dello stato di New […]

Categorie
Città Cittadinanza

Spazio pubblico a compartimenti stagni

Organizzare le città per funzioni separate è ciò che l’urbanistica novecentesca ha saputo fare meglio. Ci è talmente riuscita a mettere da una parte le abitazioni, da un’altra i posti di lavoro e da un’altra ancora le attività commerciali e di servizio che alla fine l’abitante medio della città contemporanea trova la separazione del tutto […]