Categorie
Jane Jacobs Opinioni

Che fastidio le donne che scrivono di città

Città e libertà, la raccolta di scritti di Jane Jacobs pubblicata quest’anno da  Elèuthera  (tradotta e curata da chi scrive), ha ricevuto ormai qualche recensione. Tra queste non potevano mancarne almeno un paio che fanno trapelare (in particolare in un caso) o manifestano apertamente ( in un altro) quell’insieme di prove inclini a confermare convinzioni, […]

Categorie
Jane Jacobs Primo piano

Jane Jacobs. Urbanistica e disobbedienza civile

Anteprima La critica di Jane Jacobs alla «moderna urbanistica ortodossa» può essere interpretata come un atto di disobbedienza civile in quanto mirava a prevenire l’intollerabile devastazione delle città americane che veniva attuata attraverso il rinnovamento urbano. In questa prospettiva, rendere consapevoli i suoi lettori della violenza delle demolizioni e delle trasformazioni urbane ha a che […]

Categorie
Città Cittadinanza Potere

Città-rifugio

Nel suo celebre libro sulle città medievali, Henri Pirenne enucleava il concetto di spazio urbano come rifugio degli europei oppressi dalla servitù e dalle limitazioni dell’economia di sussistenza. «L’aria delle città rende liberi» dice un proverbio tedesco (Die Stadtluft macht frei) e questa verità si osserva sotto tutti i climi. Anticamente la libertà era monopolio […]

Categorie
Città Cittadinanza

Michel de Certeau, camminare per la città

A distanza di oltre trent’anni dalla prima edizione di Vita e morte delle grandi città, Jane Jacobs ricordava che i primi ad aver capito il senso del suo libro erano stati i pedoni, perché leggendolo avevano potuto constatare quanto in comune ci fosse tra la sua esposizione e il loro appagamento, le loro preoccupazioni ed […]

Categorie
Cittadinanza fondo pagina

Il tecnocrate partecipativo

La questione del rapporto tra la rappresentanza politica e cittadinanza, e della legittimazione che reciprocamente le due parti si accordano quando in gioco ci sono le scelte che riguardano la polis, è troppo complessa perché possa essere affrontata in modo esauriente in queste brevi note. Tuttavia mai come in questo momento il concetto di partecipazione […]

Categorie
Jane Jacobs

Accorciare le distanze tra città e cittadini

Nel 1961 la giornalista e madre di famiglia Jane Jacobs pubblicava Vita e morte delle grandi città. Saggio sulle metropoli americane, una critica innovativa alla città contemporanea che utilizzava l’esperienza quotidiana, fatta di vita di quartiere e di spostamenti con mezzi pubblici o a piedi. Nella interpretazione di Jacobs la città-macchina, che separa i flussi […]

Categorie
Città Metropoli

Le città del futuro tra passato e presente

Pensare alla città di domani, migliore di quella di oggi, è un esercizio che viene svolto da secoli. Dalla Sforzinda del Filarete fino alla Città Giardino di Howard c’è una lunga tradizione di utopismo urbano che è poi sfociata – con la proposta dell’ex stenografo del parlamento britannico – in qualcosa di più concreto e […]

Categorie
Città Cittadinanza

Contro l’urbanistica dal sopracciglio alzato

Prima di diventare il devastatore di New York, con le autostrade urbane usate come una mannaia in una metropoli troppo piena di costruzioni, Robert Moses era stato Commissario cittadino ai parchi e fu particolarmente amato dalla gente quando, durante i primi anni del New Deal, costruiva spazi verdi ed aree per il gioco in quartieri […]

Categorie
Città Questioni di genere

Donne, città e ipocrisie

Le disparità di genere tendono ad assumere nella organizzazione spaziale delle città le stesse caratteristiche che si riscontrano nella struttura sociale. Lo spazio urbano è stato modellato a misura del genere dominante :il modo in cui le donne vivono e si muovono nella città si differenzia in relazione al diverso ruolo che esse  ricoprono nella […]

Categorie
Città Cittadinanza

Spazio pubblico a compartimenti stagni

Organizzare le città per funzioni separate è ciò che l’urbanistica novecentesca ha saputo fare meglio. Ci è talmente riuscita a mettere da una parte le abitazioni, da un’altra i posti di lavoro e da un’altra ancora le attività commerciali e di servizio che alla fine l’abitante medio della città contemporanea trova la separazione del tutto […]